Piazze aperte: i murales di Camilla Falsini

L’arte coloratissima di Camilla Falsini invade Milano in due luoghi strategici del tessuto cittadino eccezionalmente trasformati in grandi “tele” urbane dalla street artist e illustratrice romana. È stata infatti lei ad aggiudicarsi il concorso Piazze Aperte, grazie al progetto site specific realizzato con l’agenzia indipendente Jungle.
Il gruppo ha lavorato a un progetto ad hoc coinvolgendo anche i comitati cittadini di quartiere, per condividere con loro le scelte grafiche e i colori dell’intervento per ognuna delle due piazze.

Ritrovati luoghi di incontro, i colori di Camilla uniscono come tessere di un mosaico: aree pedonali, aree gioco, angoli per eventi, nuove sedute, piante, spazi per le biciclette, attraversamenti più sicuri, negozi più accessibili e donano decisamente un nuovo appeal. Tutti elementi che arricchiranno queste piazze, finora di nome ma poco di fatto!

Piazzale Loreto. Photo courtesy: Camilla Falsini e Jungle

Piazza Tito Minniti. Photo courtesy: Camilla Falsini e Jungle

Ma entriamo nello specifico di quesi luoghi. Le piazze scelte per questa speciale iniziativa sono piazzale Loreto e piazza Tito Minniti nel quartiere di Isola, a Milano. Per piazzale Loreto, l’artista è partita dalle strutture urbane della città ridisegnate attraverso semplici forme geometriche; con un po’ di attenzione si noterà che gli edifici e le strade si intrecciano per formare alcune lettere che compongono proprio la parola LORETO. Il fondo antracite scelto risalta ancor più la scritta nascosta che esplode in modo caleidoscopico grazie a colori pieni e sgargianti.

Piazzale Loreto. Photo courtesy: Camilla Falsini e Jungle

Piazzale Loreto. Photo courtesy: Camilla Falsini e Jungle

In piazza Tito Minniti, le lettere che formano la parola ISOLA raccontano la sua storia: così, per esempio, la I diventa un grattacielo che simboleggia la parte più avveniristica della zona mentre la A una casa per sottolineare che il quartiere è reso vivo anche da chi lo abita. Il concept dell’opera inoltre, data la nuova area pedonale della piazza, è stato pensato anche per essere un parco giochi per i più piccoli; sono stati infatti inseriti degli elementi di gioco per i bambini come, ad esempio, un labirinto in cui perdersi e un percorso a zig zag in cui saltare da un triangolo all’altro.

Piazza Tito Minniti. Photo courtesy: Camilla Falsini e Jungle

Piazza Tito Minniti. Photo courtesy: Camilla Falsini e Jungle

Piazza Tito Minniti. Photo courtesy: Camilla Falsini e Jungle

Gli interventi di colorazione vengono realizzati attraverso il progetto europeo CLEAR, finanziato dall’EIT Urban Mobility, agenzia dello European Institute of Innovation and Technology. Il progetto, attivo dal 2019 (e già coinvolto l’anno scorso nei lavori di piazza Belloveso), vede Milano lavorare in rete con Amsterdam, Monaco, le loro università tecniche (TUM e UvA) e UNStudio per condividere buone pratiche di trasformazioni urbane “tattiche”, dedicate alla mobilità attiva e allo spazio pubblico.

Oltre alla fase di decorazione delle piazze, è prevista anche la realizzazione di una campagna di GreenGraffiti®, comunicazione pavimentale ecosostenibile che rappresenta il carattere più urban e innovativo di Jungle. I soggetti riprenderanno le forme dell’artwork installato sulla piazza, con un messaggio che inviterà i cittadini a scoprirne funzionalità e colori per iniziare a vivere la nuova area.

Photo courtesy Jungle

Photo courtesy Jungle

Per completezza di informazioni: Piazze aperte è un progetto del Comune di Milano, realizzato in collaborazione con Bloomberg Associates, National Association of City Transportation Official (NACTO) e Global Designing Cities Initiatives. Ed è un programma basato sull’idea di spazio pubblico come luogo di incontro e socializzazione.

Camilla Falsini è nata a Roma, dove vive e lavora. Il suo lavoro, caratterizzato da linee nette, forme stilizzate e colori forti, spazia dall’illustrazione editoriale alle grandi pitture murali, da oggetti di design ai libri. Ha preso parte a molte mostre collettive (tra cui una alla Triennale di Milano, due al MACRO di Roma e una al MADRE di Napoli) e ha esposto in cinque mostre personali: alla Galleria Mirada di Ravenna, alla Galleria Street Level di Firenze e a Milano presso PARCO Gallery durante il festival diffuso INTO The Streets of Nolo. Le sue opere murali in esterno si possono ammirare nelle più importanti città italiane, come Milano, Roma, Torino, Palermo, Napoli, Padova e Bologna.

Jungle è un’agenzia milanese indipendente, specializzata in attivazioni urbane e campagne di comunicazione non convenzionale. Da più di dieci anni si occupa di comunicazione pavimentale nelle principali città italiane attraverso i GreenGraffiti®, uno strumento innovativo che permette l’installazione di messaggi sulla superficie di piazze e marciapiedi, grazie ad una miscela sostenibile e temporanea a base yogurt, gesso e cellulosa.

 

 

Piazze Aperte due interventi di Camilla Falsini
Piazzale Loreto
Piazza Tito Minniti