Veduta dell’installazione di Inge Mahn, Foto courtesy T-space Studio