San Giovanni in Conca

Testo di Andrea Corbetta

San Giovanni in Conca, foto di Andrea Corbetta

Al centro di P.zza Missori, circondate da grandi complessi edilizi, resistono le rovine della Basilica paleocristiana di S. Giovanni in Conca. Fondata nel V sec. la chiesa viene ampliata diventando nel XIII il mausoleo dei Visconti (signori di Milano dal 1277 al 1447) con struttura a tre navate e tiburio quadrato (copertura esterna della cupola) all’incrocio dei bracci.
Per modifiche di viabilità urbana la basilica subisce diversi sventramenti nel corso degli anni tra cui l’accorciamento delle tre navate, per l’apertura di via Carlo Alberto (oggi via Mazzini) e l’abbattimento dell’alto campanile.
La condanna finale al monumento avviene nel 1948 a seguito dell’apertura dell’asse viario di via Albricci – P.zza Missori. Salvate dalla demolizione rimangono la facciata in stile Neogotico, trasferita al Tempio Valdese in via Francesco Sforza e la cripta sotterranea. Questa, tenuta aperta dai volontari del Touring Club Italiano, rimane come raro esempio di originale romanico milanese.


San Giovanni in Conca
Rovine Basilica Paleocristiana, V secolo
Piazza Missori 1
Milano
Da martedì a sabato  9:30-17:30
ingresso libero

Tags: