Prospettiva. Viaggio negli archivi di Fondazione Fiera Milano

“Prospettiva!” Viaggio negli archivi di Fondazione Fiera Milano.
Fotografie, grafiche, documentari e installazioni: un viaggio unico nella storia dell’industria italiana.

Mostra promossa da: Fondazione Fiera Milano
A cura di: OMA / Ippolito Pestellini Laparelli
Curatela storica di: Fondazione Fiera Milano – Archivio Storico / Andrea Lovati

La mostra presentata alla Triennale di Milano è un’interessante scoperta degli archivi di Fondazione Fiera Milano che racconta in partnership con AFIP (Associazione Fotografi Italiani Professionisti), un secolo di storia dell’innovazione, dell’industria, del design Italiano ed Europeo, oltre che della storia d’impresa di Milano.

Visita di un gruppo di ambasciatori, accompagnati dal segretario generale della fiera di Milano Michele Guido Franci, al Padiglione Breda alla Fiera Campionaria di Milano. Progetto Luciano Baldessari con Marcello Grisotti.

Si tratta di un percorso intenso, immersivo, grazie ad un allestimento d’eccezione (a cura dello studio OMA, di cui abbiamo parlato spesso ultimamente, soprattutto per il progetto della Fondazione Prada) che introduce alla “vita d’archivio”, che propone materiali eterogenei, direttamente consultabili: fotografie, documenti, album, volumi, giornali, lettere, una significativa e rappresentativa selezione tra i 100 manifesti, cartoline e parte degli oltre 5000 cataloghi di manifestazione, ma anche i suoi stessi scaffali e raccoglitori.

Tra gli storici collaboratori della Fiera scopriamo anche Gabriele Basilico e Gianni Berengo Gardin, che vengono raccontati attraverso album di provini, fotografie e negativi che ne svelano il metodo e i segreti del mestiere.

 “L’archivio fotografico di Fondazione Fiera Milano è una miniera di tesori: immagini generiche o autoriali, intime o grandiose, di allestimenti sofisticati o macchinari industriali, di cibi o pistoni, di architettura o bestiame, di grandi personaggi o gente comune: mondi diversi ma che pure in momenti diversi coesistevano all’interno del medesimo spazio, testimonianze di una macchina delle meraviglie a ciclo continuo. La mostra è allo stesso tempo una riflessione sull’archivio e sulla storia della Fiera Campionaria: una finestra privilegiata sulla costruzione della modernità Italiana e internazionale” racconta il curatore Ippolito Pestellini Laparelli.

Il progetto prende spunto dall’Archivio della Fondazione e prevede la raccolta, la conservazione e la valorizzazione di un patrimonio documentale di immagini pensato come un vero e proprio giacimento culturale, organizzato e fruibile attraverso una piattaforma online e un calendario di appuntamenti espositivi e culturali per il pubblico. La collezione sarà ampliata attraverso acquisizioni strategiche di archivi di interesse nazionale e di importanti fotografi italiani. AFIP ha già avviato un’attività di ricerca e selezione. Il principio di acquisizione seguirà con coerenza i temi già presenti nei fondi dell’Archivio di Fondazione Fiera Milano: moda, design, food, manifattura, architettura, Milano e territorio saranno dunque le tematiche che interesseranno gli archivi da acquisire.

Una scoperta anche il catalogo gratuito, che raccoglie in una busta (come consuetudine per i materiali d’archivio), alcune fotografie in bianco e nero e a colori, in formato A4 accompagnate da un catalogo che racconta e presenta il progetto e le molteplici voci che hanno contribuito alla sua realizzazione: interviste e contributi di Carlo Antonelli, Matteo Bordone, Franco Capacchione, Fabio De Luca, Jonh Foot, Andrea Lovati, Alba Solaro, Francesco Zanot.

catalogo della mostra

L’Archivio Storico di Fondazione Fiera Milano

Sono diversi i fondi che compongono l’Archivio, fra i più interessanti si possono citare i circa 100 manifesti storici della Fiera Campionaria e di varie mostre specializzate (1923-1990), conservati in diversi formati e lingue e il fondo fotografico, che contiene circa 240.000 immagini per un arco temporale che va dall’Esposizione internazionale di Milano del 1906 fino ai primi anni Novanta. Considerati tutti i supporti conservati (negativi su lastra in vetro, negativi su pellicola, positivi in diversi formati) il patrimonio fotografico complessivo supera i 500 mila documenti.

A una sezione puramente composta da documentazione di diretta dipendenza archivistica, nel corso degli anni si è affiancata anche l’area Fondi Speciali dove oltre all’emeroteca, trovano spazio oggetti e opere che l’Ente Fiera Milano ha prodotto e raccolto nel corso di quasi cento anni di attività.

Oltre la mostra

PROSPETTIVA non è unicamente una mostra, è anche il primo importante episodio della concreta realizzazione del progetto sugli Archivi fotografici voluto da Fondazione e AFIP International con Triennale di Milano. PROSPETTIVA parte dall’Archivio di Fondazione Fiera e prevede la raccolta, la conservazione e la valorizzazione di un patrimonio documentale di immagini pensato come un vero e proprio giacimento culturale, organizzato e fruibile attraverso una piattaforma online e un calendario di appuntamenti espositivi e culturali per il pubblico.

Un percorso tematico. Grandi architetti per grandi aziende

La Fiera Campionaria è sempre stata palestra di sfida per gli architetti e i designer italiani. Ogni anno si potevano contare padiglioni, allestimenti, pannelli, tutti prodotti da grandi firme del settore. Soprattutto nel secondo dopoguerra, grandi aziende italiane di settori diversi, dalla siderurgia alla meccanica, dalla chimica alle telecomunicazioni, per la propria presenza in Campionaria si sono affidate a maestri del calibro di: Franco Albini, Luciano Baldessari, Erberto Carboni, i fratelli Castiglioni, Enzo Mari, Bruno Munari e molti altri ancora. archiviofondazionefieramilano

Interno del Padiglione Monetcatini alla Fiera Campionaria di Milano. Progetto di allestimento Achille e Pier Giacomo Castiglioni. Grafica Max Huber, foto Publifoto.


SCADE IL 20 genn 2019
Prospettiva.
Viaggio negli archivi di Fondazione Fiera Milano
La triennale di Milano
Ingresso free
Martedì – Domenica: 10.30 – 20.30

Tags: