Civitacampomarano

Civitacampomarano è un piccolo paese del Molise, ormai quasi completamente disabitato, che a partire dal 2014 è diventato la sede di uno dei più importanti street festival italiani, il CVTà – Street FestLa nascita di questa manifestazione si deve a una mail inviata da Ylenia Carelli (Presidente della Pro Loco “Vincenzo Cuoco”) alla street artist AliCe.

AliCe, 2015 (Foto Jessica Stewart)
AliCe, 2015 (Foto Jessica Stewart)

In quella lettera Ylenia invitava AliCe a far tappa nel borgo molisano per dipingere i muri del centro storico, ormai quasi completamente disabitato. Il progetto pittorico che ne scaturisce va al di là del semplice ridecoro urbano, ma punta letteralmente a far rivivere il paese stesso. AliCe parla con gli abitanti del borgo, si fa raccontare il passato di una delle tante cittadine italiane che rischiano di scomparire a causa dell’emigrazione dei suoi stessi abitanti, recupera vecchie fotografie che ritraggono una Civitacampomarano viva e decide di riportare quelle stesse scene su vecchie porte di case ormai vuote.

“Ho dipinto su vecchie porte, per ricordare quello che ora non c’è più molte case bellissime ora sono vuote, lo spopolamento è stato enorme e Civitacampomarano oggi conta poco più di quattrocento abitanti. Per me non è un paese qualsiasi è il paese natale di mio nonno, ma questo l’autrice della mail non lo sapeva”

Impossibile pensare che un progetto del genere passi inosservato e, proprio grazie all’attenzione portata dalla stampa e dalla televisione nazionale, il legame tra la streetart e Civitacampomarano si consolida a tal punto da originare un vero e proprio festival: il CVTà – Street Fest, nel 2017 alla sua seconda edizione.
Ogni hanno vengono chiamati sei street artist a cui gli stessi abitanti del borgo molisano mettono a disposizione i proprio muri sui cui sono chiamati a lavorare per quattro giorni.
Il risultato sarà una proposta corale capace di offrire, sia a chi passa quotidianamente per quelle strade che ai visitatori, la possibilità di guardare i vecchi muri logorati dal tempo con uno sguardo tutto nuovo, che nasce dalla cooperazione della comunità con gli artisti ospiti.

IKS, 2016

Pablo S. Herrero (foto Alessia Di Risio)

UNO, 2016 (foto Alessia Di Risio)

Alex Senna, 2017


Tags: