Annabel Elgar, The Dust in my Pocket

In occasione del festivalfilosofia 2018 la galleria Metronom presenta la mostra The Dust in my Pocket, personale di Annabel Elgar che raccoglie alcune tra le migliori opere delle due recenti serie Cheating the Moone Noon in the Desert e che vi consigliamo di visitare, a Modena (vedi la nostra guida Un weekend a: Modena), fino al 13 ottobre.
Il tema della verità – prescelto come focus centrale di tutto il festival – è qui mostrato attraverso l’obbiettivo di Annabel in costante equilibrio tra fatti realmente accaduti e narrazioni più fantasiose.

Annabel Elgar, The Dust in my Pocket, exhibition view, galleria Metronom. Foto Alessia Ballabio

Annabel Elgar, The Dust in my Pocket, exhibition view, galleria Metronom. Foto Alessia Ballabio

Nel concreto, le ricerche dell’artista partono da due casi di cronaca decisamente curiosi: il primo Operation Lunar Eclipse, riguarda un’operazione federale avviata negli Stati Uniti per contrastare la vendita di frammenti di roccia lunare raccolti durante le Missioni Apollo e il secondo testimonia le sperimentazioni nucleari nel deserto del Nevada avvenute negli anni ‘50 e conosciute come Operation Teapot. Queste rappresentano l’avvio dei progetti di Elgar, coerente nel suo lavoro di ricerca e documentazione. Attraverso lo studio dei materiali, Annabel dialoga con le fonti e le saccheggia allo stesso tempo, restituendoci un quadro ancora più complesso di quello di partenza. Gli indizi, i documenti, gli oggetti finali mantengono una qualità perturbante e ambigua che attrae e incuriosisce.

Annabel Elgar, The Dust in my Pocket, exhibition view, galleria Metronom

Annabel Elgar, The Dust in my Pocket, exhibition view, galleria Metronom

La mostra The Dust in my Pocket funge da filo conduttore ideale tra le due serie Cheating the Moon e Noon in the Desert, richiamando le rocce e le polveri lunari della prima, inserite in contesti di vita quotidiana e alludendo alle esplosioni nucleari e ai paesaggi desertici della seconda, indagate attraverso la messa in scena di documenti, cartoline e fedeli ricostruzioni del mito atomico americano.

Annabel Elgar, The Dust in my Pocket, exhibition view, galleria Metronom

Annabel Elgar, The Dust in my Pocket, exhibition view, galleria Metronom

Come in un teatro, Annabel Elgar mette in scena fatti reali o presunti, riferendosi in modo poetico e raffinato a episodi storici che ancora sollevano dubbi su trame segrete o oscuri disegni mai svelati. La fotografia stessa è messa in scena, non è un mezzo a servizio della documentazione, quanto l’affermazione di come possa essere effimera la ricerca della verità. Quello che Annabel ci offre sono spesso solo gli indizi, i dettagli di una rappresentazione che va guardata e osservata come un enigma, in cui l’artista gioca il ruolo del protagonista e del regista allo stesso tempo.

Annabel Elgar, The Dust in my Pocket, galleria Metronom. Foto Alessia Ballabio

Annabel Elgar, The Dust in my Pocket, galleria Metronom. Foto Alessia Ballabio

Annabel Elgar (1971) vive e lavora a Londra. Ha conseguito il Master of Arts in Fotografia al Royal College of Art e il suo lavoro è comparso in numerose mostre internazionali e in diverse pubblicazioni. Tra le mostre recenti alle quali ha partecipato si ricordano NUCLEUS – Imagining Science, Noorderlicht Photofestival, Paesi Bassi (2017); ANTOLOGIA, Metronom (2017); Through the Looking Glass, Metronom (2016); Photography is Magic, Aperture Foundation, New York (2016); Setting Out, apexart, New York (2016); Fotografia contemporanea nell’Europa Nord-Occidentale, Fondazione Fotografia, Modena (2015). Il suo lavoro è stato esposto in istituzioni internazionali come Musée de L’Elysée, Losanna, Svizzera; Museum of New Art, Detroit; Zephyr, Raum für Fotografie, Mannheim; The Wapping Project Bankside, Londra; Fotomuseum, Anversa. Con la serie Cheating the Moon, Annabel Elgar è stata selezionata tra i finalisti dell’edizione 2014 – 2015 del Prix Elysée.


a
Fino al 13 ottobre
Annabel Elgar, The Dust in my Pocket
Galleria Metronom
via Carteria 10, Modena
www.metronom.it

Tags: